Cose che voi italiani non potete immaginare

Venerdì sera siamo andati a cena da un vicino di casa. Rob parla 13 lingue e di lavoro fa quello: parla le lingue. Ha un attività in proprio come traduttore, interprete, mediatore culturale, organizzatore di eventi internazionali e commerciale estero. 😎 Rob ha 55 anni e ora che ci penso credo che una cena da un vicino di 55 anni sia una conseguenza del vivere in Olanda: in Italia mica fai amicizia nel giro scala con uno che ha 25 anni più di te, no?! Qui i rapporti tra le generazioni sono piuttosto fluidi.

Rob si laureò in russo quando il muro di Berlino era ancora su. Il suo liceo gli aveva negato ogni supporto per iscriversi al corso di laurea, gli avevano detto che era un pazzo, che sarebbe rimasto disoccupato. I genitori invece non avevano fatto una piega: loro avevano un’agenzia di viaggio, l’avevano messa su negli anni 30 e avevano sempre spronato i 5 figli a studiare le lingue straniere. In effetti Rob il primo lavoro lo prese perché parlava francese e spagnolo, mica perché si era laureato in russo, bulgaro, ceco e serbo. Con lo spagnolo fece grossi affari a Cuba, con il francese in Africa. Poi si è messo a studiare l’arabo. Ora con il russo ci lavora eccome.

Groningen

Capirete che uno così sembra uscito dalla penna di Hugo Pratt. Essendo un viaggiatore, Rob ha un sano occhio critico sul suo paese, si sfoga con noi del fatto che gli altri vicini parlano solo di quanti km hanno macinato in bicicletta o di quali bulbi hanno piantato in giardino. 🙄 Insomma Rob è allergico alla componente “crucca” della cultura olandese. Nonostante ciò, ama il suo paese ed è convinto che sia un ottimo posto dove vivere. Ci chiede spesso come ci troviamo, per rispondergli venerdì a cena ci siamo trovati a snocciolare una serie di situazioni concrete: come funziona in Olanda e come funziona in Italia. In questa conversazione è venuto fuori l’ultimo servizio delle ferrovie olandesi, ve lo dico perché sono cose che voi umani italiani non potete immaginare. Le ferrovie si sono convenzionate con i taxi in modo da offrire tariffe agevolate per andare o per tornare dalla stazione. In concreto se tu devi andare in stazione, chiami il numero delle ferrovie e, prenotando tramite loro, una corsa che prima costava 10 euro, ora costa 2,5 euro. Non sono cifre a caso, abbiamo usufruito del servizio.

Se ci metti che i treni sono puntuali, che la stazione è un posto decente e il treno pure…noi prima avevamo due macchine, ora ne abbiamo una sola. Abitiamo a 10 minuti a piedi dalla stazione: uno va a lavorare in auto, l’altro in treno.  Ahem… Indovinate chi va in auto?! :mrgreen:

Annunci
5 commenti
  1. Angelo ha detto:

    O_o vero?!?!? Non la sapevo questa cosa della convenzione tra taxi e ferrovie. Chiami al numero dell ferrovie e prenoti anche il taxi per così poco??!? uauuuuuuuuuuuu!!!!

  2. Elisa ha detto:

    Ottimo tips! Da provare…….e articolo carinissimo! In effetti in Olanda si possono conoscere persone che sono dei veri “personaggi ” …….io ammiro spesso la loro forza di fare ciò che vogliono e seguire idee e sogni senza preoccuparsi di ciò che gli altri pensano

    • Grazie Elisa! Anche io resto sempre affascinata dalla loro noncuranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: