La polizia mi ha scritto a casa. Vacanze, furti e vicini.

Un giorno torno a casa e trovo una lettera della polizia. Sgomento e panico. Sì, perché se le istituzioni ti mandano una lettera, nel mio Paese è una multa o un avviso di garanzia. La apro.

La polizia mi avvisa che hanno registrato diversi furti in casa nel mio quartiere, per cui mi mette in preallarme in vista delle vacanze. La lettera invita a fissare un appuntamento: i poliziotti vengono a controllare se la tua casa è a prova di ladro e ti istruiscono per ridurre la probabilità di scasso. E’ ggggratis, come direbbero gli olandesi, per cui fissiamo l’appuntamento. 😀

A questo punto devo specificare che possiamo fissare l’appuntamento in giorno feriale in virtù del fatto che lavoriamo part-time, come il restante 75% della popolazione. 😎

Arriva una coppia di poliziotti, prima di varcare la soglia allungano la mano per esibire il distintivo. Accolgono la mia richiesta di parlare inglese senza fare una piega. Mi danno una carpetta con materiale informativo, la check-list per andare in vacanza sereni e pure un gadget, uno di quelli utili! Ispezionano, smanettano: ok la porta va bene, raccomandano di chiuderla a chiave di notte e di serrare le finestre ogni volta che usciamo. Segnano tutto su un formulario che poi mi lasciano: la mia porta è classificata come sufficiente, non ottimale… 😕 Però, già che c’è il poliziotto qualcosa da dire ce l’ha: mi raccomanda di installlare un dispositivo anti incendio. Mi indica i punti più idonei e mi spiega che poiché abitiamo al quinto piano di un grande complesso abbiamo buone chances di salvarci da un incendio nel condominio solo se scappiamo subito all’insorgere del fuoco, per questo sarebbe importante un allarme anti-incendio.

Saluto, ringrazio e incomincio a spulciare le brochure mentre penso “ammazza la comunicazione sociale che hanno questi! E sono la polizia…da noi manco l’Urp…”

Vicini, noi andiamo in vacanza! I ladri non vanno mai in vacanza.

Vicini, noi andiamo in vacanza!
I ladri non vanno mai in vacanza.

La check-list riporta accorgimenti di buon senso, incluso quello di non scrivere sui social network che sei in vacanza 😀 Una misura però mi colpisce perché è proprio dutch: ti dicono di informare i vicini che vai in vacanza con la richiesta di chiamare la polizia se sentono rumori in casa durante la tua assenza. C’è  persino una cartolina da compilare e lasciare ai vicini come promemoria con le date delle tue vacanze, i tuoi recapiti in caso dovessero contattarti e puoi segnare i compiti che affidi al vicino in modo che la casa sembri abitata:

  • ritirare la posta
  • dare l’acqua alle piante
  • innaffiare il giardino
  • chiudere le tende la sera e aprirle al mattino
  • accendere una luce di sera
  • dare da mangiare all’animale domestico
  • mettere fuori il bidone della spazzatura

In Olanda, infatti, è normale lasciare le chiavi al vicino e chiedergli di innaffiare le piante o sfamare il gatto. Ne avevo parlato nel post Vicini di casa in Olanda. La cartolina suggerisce qualche mossa in più giusto al fine di ingannare i ladri. La carpetta contiene anche un formulario di valutazione sulla consulenza dei poliziotti e una busta preaffrancata per inviare il feedback… Non dico altro. Anzi sì, ve lo devo proprio dire che hanno un sito dedicato, un training on-line per mettere in sicurezza la tua casa e hanno un pool di ex-ladri disponibile a rispondere alle tue domande e che organizza serate informative.

Noi almeno abbiamo quelli di Zelig… Buone vacanze!

Annunci
11 commenti
  1. Qui a Molinella non abbiamo una polizia così solerte e neanche il pool di ex ladri, ma i vicini disponibili sì! Ritorno dalle ferie e…giardino in ottimo stato (meglio di quando l’ho lasciato), gatto nutrito e pettinato, cortile spazzato e posta ritirata. Lunga vita ai miei vicini! Scusa la curiosità: ma qual è il gadget utile? No perché i gadget per definizione sono inutili…

    • Grande solidarietá sociale a Molinella, ci piace! Il gadget é una multipla, le cui prese possono essere coperte con un timer (tipo quello da cucina) cosí la presa é a prova di bimbo. Piú difficile da spiegare che da usare… 🙂

  2. Stefano ha detto:

    questi sì che si chiamano servizi al cittadino…

  3. Tutto logico e da civiltà avanzatissima…se io fossi ladro a ‘sto punto farei di professione il vicino 😂😂

  4. Isa ha detto:

    Qui ti farebbero la dimostrazione pratica a cura dei ladri, senza restituirti la refurtiva così sei sicuro di ricordartela bene! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: